Settore Giovanile di Ambri Piotta e Svago/Nails Word

Buongiorno Visitatore se ancora non sei Registrato che aspetti fallo ora e Tifiamo FORZA AMBRI

Ricordati di Presentarti e fatti conoscere aiuta a far crescere questo luogo di Tifosi e Simpatizzanti



Vi aspettiamo Numerosi Gli Admin Mirna e Ale
Settore Giovanile di Ambri Piotta e Svago/Nails Word

Spazio Personale di mio figlio Ale e dedicato agli amanti di Hockey e allo Svago


    Cada e un Westrum... tutto nuovo

    Condividere
    avatar
    Mirna
    Webmaster
    Webmaster

    Femminile
    Numero di messaggi : 311
    Età : 49
    Località : Piotta
    Occupazione/Hobby : Casalinga - Mamma a Tempo Pieno
    Data d'iscrizione : 19.01.09

    Cada e un Westrum... tutto nuovo

    Messaggio Da Mirna il Ven 23 Gen 2009, 10:12

    Rostislav «Roccia» Cada non solo esce da un weekend eccezio­nale a
    livello di risultati (due vit­torie di fila, a Bienne e poi in ca­sa
    contro il Berna) ma sembra aver recuperato un giocatore che per l’
    Ambrì Piotta è imprescindi­bile. Stiamo parlando ovviamen­te di Erik
    Westrum, tornato ad al­ti livelli domenica scorsa contro gli «orsi»
    dopo un periodo di abu­lia, culminato nella squalifica poi «purgata» a
    Bienne. E proprio sul ghiaccio dei «seeländer» penul­timi in
    classifica, l’ Ambrì ha vin­to senza il suo giocatore più
    rap­presentativo e grazie anche alla buona prestazione del suo
    sosti­tuto, lo svedese Mikael Wahlberg. Cada, tuttavia, il giorno
    seguen­te non se l’è sentita di lasciare fuo­ri Westrum, che tornava a
    dispo­sizione, ma prima di schierarlo «a cuor leggero» gli ha voluto
    par­lare. Un colloquio sincero, nel quale il tecnico ceco ha voluto
    pungolare nell’orgoglio Westrum: e il tentativo è andato a buon fi­ne,
    se è vero che il numero 7 con­tro il Berna è risultato tra i miglio­ri
    in pista: «A Erik ho ricordato – spiega Cada – che la sera prima la
    squadra aveva vinto anche sen­za di lui e che quindi mi aspetta­vo, al
    cospetto di un avversario oggettivamente più forte del Bienne, una
    grande prestazione da parte sua, in virtù del fatto che era fresco,
    riposato. Gli ho detto che avrebbe potuto fare la diffe­renza e alla
    luce dei fatti... c’è riu­scito, contribuendo attivamente al successo.
    Westrum è un gioca­tore che ha delle capacità e una potenza fuori dal
    comune:quan­do sta bene come accaduto do­menica, può essere decisivo».

    L’importante è che ora Westrum continui ad esprimersi ad alti
    li­velli e si erga nuovamente a «lea­der » di un Ambrì che per la
    pri­ma volta in stagione ha vinto due partite consecutive, ritrovando
    morale e fiducia: «Dopo due vit­torie l’ambiente all’interno della
    nostra squadra è cambiato, inuti­le negarlo – dice ancora Cada – e ora
    i giocatori credono maggior­mente nelle loro possibilità e nel­le loro
    qualità. Il problema di que­sta squadra non era soltanto di natura
    fisica o tecnico-tattica, ma forse soprattutto psicologico. La fiducia
    la si ricostruisce però len­tamente, punto dopo punto e vit­toria dopo
    vittoria, e adesso le co­se vanno dunque meglio. Dico questo pur
    consapevole che da­vanti a noi c’è ancora un grande lavoro da fare e
    che l’ Ambrì, a dif­ferenza di altre squadre che si tro­vano in
    posizioni di classifica mi­gliori, deve sempre dimostrare qualcosa e
    far fronte ad una pres­sione che nei bassifondi della classifica si
    avverte molto di più». Stasera alle Vernets di Ginevra e domani alla
    Valascia contro il Rapperswil, l’ Ambrì Piotta prove­rà a dare
    continuità ai suoi risul­tati e ad acciuffare un Bienne che dista ora
    solo tre lunghezze.

    Corriere del Ticino

      La data/ora di oggi è Dom 19 Nov 2017, 10:05