Settore Giovanile di Ambri Piotta e Svago/Nails Word

Buongiorno Visitatore se ancora non sei Registrato che aspetti fallo ora e Tifiamo FORZA AMBRI

Ricordati di Presentarti e fatti conoscere aiuta a far crescere questo luogo di Tifosi e Simpatizzanti



Vi aspettiamo Numerosi Gli Admin Mirna e Ale
Settore Giovanile di Ambri Piotta e Svago/Nails Word

Spazio Personale di mio figlio Ale e dedicato agli amanti di Hockey e allo Svago


    HC Ambri-Piotta:La Pagella

    Condividere
    avatar
    Mirna
    Webmaster
    Webmaster

    Femminile
    Numero di messaggi : 311
    Età : 49
    Località : Piotta
    Occupazione/Hobby : Casalinga - Mamma a Tempo Pieno
    Data d'iscrizione : 19.01.09

    HC Ambri-Piotta:La Pagella

    Messaggio Da Mirna il Mar 12 Apr 2011, 12:45

    Portieri
    Thomas Bäumle: la solita sicurezza. Dopo una stagione da “terrestre” nei playout è un vero e proprio marziano. Voto: 5,5. SALVAGENTE
    Lorenzo Croce: poche occasioni per mettersi in mostra . Giusta la scelta di cambiare aria. Senza voto. INCOMPIUTO.
    Difensori
    Daniele Marghitola: il salto di qualità ancora non arriva. Paga i pochi chili e alcuni passaggi a vuoto. Voto: 3. LEGGERINO
    Uinter Guerra: lui ha un buon fisico, che pero' a volte sfrutta male incorrendo in penalità stupide. Voto: 3,5. INGENUO.
    Gian-Andrea Randegger: sinceramente non sembra valere la NLA. Ma forse Chirs McSorley ci smentirà. Voto: 3. RIMANDATO
    Raphael Vassanelli: una ventina di partite in prima squadra, le restanti tra Basilea e Turgovia, L'età è dalla sua parte. Senza voto. ACERBO.
    Giacomo Casserini: non un armadio, ma a livello fisico si fa valere. Deve ancora migliare in fase di impostazione. Nota: 4. PROVACI ANCORA
    Reto Kobach: metà stagione da infortunato, metà stagione sul ghiaccio. Ma francamente la differenza non si è vista. Voto: 3 DELUSIONE
    Marc Schulthess: “soffiato” al Kloten sembrava l'affare della stagione. Poi pero' ci si accorge perchè gli aviatori lo abbiano lasciato partire: combina buone cose ma colleziona pure una serie di errori colossali, che costano parecchie reti. Voto: 3. PASTICCIONE.
    Ralph Bundi: il solito grande impegno, con qualche passaggio a vuoto in meno rispetto al solito. Voto: 4. GENEROSO.
    Reto Stirnimann: la visione di gioco c'è ed infatti è promosso in PP. Putroppo sembra incollato al ghiaccio. Voto: 3. LUMACA
    Vladimir Denisov: arriva a stagione in corso e fa subito bene. Dopo l'infortunio di Kutlak diventa il leader della difesa e segna pure qualche goal pesante. Voto: 5+. TUTTOFARE
    Zednek Kutlak: anche per lui vale il discorso di Bäumle: una sicurezza, La sua assenza nel finale di stagione si fa sentire. Voto: 5+. THE WALL
    Marc Gautschi: tra i difensori è uno dei pochi che si salva, ma anche per lui manca ancora il definitivo salto di qualità. Cambiare aria gli farà bene. Voto: 4+. CONCRETO.
    Attaccanti
    Daniele Grassi: poche partite e poca gloria. Ma è giovane, avrà tempo di rifarsi. Senza voto.
    Stephan Veilleux: dopo averlo visto sul ghiaccio ci si chiede come abbia fatto a giocare oltre 100 partite in NHL. Se non fosse per il contributo in box play sarebbe un autentico bidone. Mai decisivo, un solo punto in 18 partite. Voto: 2,5. Non straniero... STRANITO.
    Elias Bianchi: come già lo scorso anno raggiunge l'Ambri per i playout. Fa il suo lavoro e ha il merito di segnare una rete pesante (che decide gara-1 col Visp). La sua linea con Mattia Bianchi e Raffainer lotta su ogni disco e non si risparmia mai. Voto: 4+. INGEGNOSO.
    Mattia Bianchi: vale il discorso fatto per Elias, con un po' meno di qualità e un po' piu' di quantità. Voto: 4. OLI DA GUMBAT.
    Reto Raffainer: dopo una regular season francamente deludente torna vispo e propositivo nei playout, trovandosi bene con i due Bianchi. Voto: 4-. REDIVIVO.
    Mirko Murovic: salta gran parte della stagione per un infortunio ma quando rientra dà il giusto contributo alla causa. Voto: 4,5. GUERRIERO.
    Erik Westrum: ancora una stagione sfortunata per lo statunitense. Messo ko da una commozione cerebrale quando rientra ne rimedia un'altra. Senza voto. MALMENATO.
    Ivan Incir: una manciata di partite condita anche da diverse reti, poi anche lui viene messo fuori causa dagli infortuni. Senza voto. OPPORTUNISTA.
    Joey Isabella: fa la spola tra Chiasso e la Leventina diventando l'eroe della salvezza grazie alla rete all'overtime di gara-5 con il Visp. In generale bravino ma leggerino. Voto: 4+ sulla fiducia. SALVATORE.
    Mauro Zanetti: come Isabella paga un po' il gioco troppo leggero. Il fisico non è male, deve imparare ad usarlo. Senza voto.
    Trevor Meier: a conti fatti il suo ingaggio è stato un errore. Mai decisivo, raramente nel vivo del gioco. Quando nei playout sembra svegliarsi è messo ko da un infortunio. Voto: 3+. APATICO.
    Alain Demuth: a nostro parere anche il suo rinnovo è stato sbagliato. Fatica terribilmente ad entrare nel gioco e realizza la miseria di due reti. Voto: 2,5. ESAURITO.
    Julian Walker: quando è in forma è quasi incontenibile. Segna poco ma porta molta energia. Voto: 5-. TRASCINATORE.
    Roman Botta: ad alti e bassi, ma comunque una buona stagione. Manca di continuità. Voto: 4+. INCOSTANTE.
    Gregory Hofmann: una delle grandi rivelazioni della stagione: prima di Natale fa il bello e il cattivo tempo assieme al “gemello” Pestoni. Un campionato del mondo U20 da protagonista, poi arriva l'infortunio e due mesi difficili. Hai il merito di lottare con i denti fino alla fine. Voto: 5. TALENTO.
    Adrian Brunner: nelle ultime stagioni ha perso slancio e brillantezza. Mostra qualcosa di buono nei playout ma è troppo poco. Voto: 3. INCONCLUDENTE.
    Erik Landry: non un fenomeno ma un buono straniero, che porta diverse reti alla causa biancoblu', fino all'infortunio. Voto: 4,5. METEORA
    Yannick Lehoux: lui si che il fiuto del goal ha dimostrato di averlo. Con lo stile Constantine non si trova bene e viene lasciato partire. Voto: 4,5. INCOMPRESO.
    Paolo Duca: il capitano lotta sembra come un leone, anche se fatica di piu' a trovare la via del goal. Voto: 4-. GRINTA.
    Martin Kariya: il giocatore giusto, nella squadra sbagliata. Il giappo-canadese è uomo-assist e in una squadra dove (dopo la partenza di Lehoux) manca un vero cecchino predica spesso nel deserto. Voto: 4-. NONTIROMAI.
    Inti Pestoni: una stagione lunghissima vissuta tutta da protagonista. Porta il casco giallo e a lui si sono chiesti i goal per salvare l'Ambri dalla relegazione. Accusa la stanchezza sul finale ma si assume fino in fondo tutte le responsabilità. Cosa volete di piu' da un ragazzo di 20 anni? Voto: 6. FENOMENO.
    Allenatore
    Kevin Constantine: arriva e sembra il messia. In poche settimane fa veri e propri miracoli. Poi l'effetto-Constantine piano piano si affievolisce e nei playout anche il coach sembra aver perso brillantezza. Voto: 4. SPERANZA
    Benoit Laporte: a conti fatti un disastro come allenatore, un po' meglio come DS anche se non esente da errori. Gli risparmiamo il voto. DA DIMENTICARE

      La data/ora di oggi è Ven 24 Nov 2017, 13:14