Settore Giovanile di Ambri Piotta e Svago/Nails Word

Buongiorno Visitatore se ancora non sei Registrato che aspetti fallo ora e Tifiamo FORZA AMBRI

Ricordati di Presentarti e fatti conoscere aiuta a far crescere questo luogo di Tifosi e Simpatizzanti



Vi aspettiamo Numerosi Gli Admin Mirna e Ale
Settore Giovanile di Ambri Piotta e Svago/Nails Word

Spazio Personale di mio figlio Ale e dedicato agli amanti di Hockey e allo Svago


    Avvenimenti alla Valascia 17.10.2009

    Condividere
    avatar
    Mirna
    Webmaster
    Webmaster

    Femminile
    Numero di messaggi : 311
    Età : 49
    Località : Piotta
    Occupazione/Hobby : Casalinga - Mamma a Tempo Pieno
    Data d'iscrizione : 19.01.09

    Avvenimenti alla Valascia 17.10.2009

    Messaggio Da Mirna il Ven 23 Ott 2009, 06:44



    E’ stato pubblicamente reso noto che il Giudice unico della Lega
    Nazionale ha aperto un procedimento contro l’Hockey Club Ambrì Piotta a
    seguito di asserite intemperanze nei confronti dell’arbitro Brent
    Reiber, avvenute al termine dell’incontro HCAP – Berna dello scorso
    17.10.2009 alla Valascia.

    Questa presa di posizione si rende necessaria per il fatto che sugli
    organi di informazione e sui blog sono emerse indicazioni di ogni
    genere che creano inutile scompiglio e disorientamento.

    Entro domattina l’HC Ambrì Piotta prenderà compiutamente posizione
    all’indirizzo del Giudice unico Reto Steinmann ma già oggi è in grado
    ed in dovere di precisare alcuni punti.

    Intanto la società si è prontamente scusata, per il tramite del suo
    Direttore Generale Jean-Jacques Aeschlimann e del suo Presidente
    Filippo Lombardi all’indirizzo del signor Reiber per il comportamento
    sconveniente di alcuni (invero pochissimi) sostenitori.

    D’altro canto però dagli accertamenti effettuati in questi giorni è
    emerso che tutti i dispositivi previsti nel piano di sicurezza voluto
    dalla Lega sono stati ampiamente rispettati.

    Il fatto che l’arbitro signor Reiber sia stato oggetto di
    aggressioni verbali è dovuto al fatto che per una scelta sua personale
    egli ha deciso di derogare a quelli che sono i dispositivi di
    sicurezza. Ciò ha comportato il fatto che (con-trariamente al
    protocollo di sicurezza) egli si trovasse a diretto contatto con il
    pubblico durante un lasso di tempo che di regola non è dato.

    E’ altrettanto vero che in nessun momento l’incolumità dell’arbitro è stata in pericolo.

      La data/ora di oggi è Lun 25 Set 2017, 06:06