Settore Giovanile di Ambri Piotta e Svago/Nails Word

Buongiorno Visitatore se ancora non sei Registrato che aspetti fallo ora e Tifiamo FORZA AMBRI

Ricordati di Presentarti e fatti conoscere aiuta a far crescere questo luogo di Tifosi e Simpatizzanti



Vi aspettiamo Numerosi Gli Admin Mirna e Ale
Settore Giovanile di Ambri Piotta e Svago/Nails Word

Spazio Personale di mio figlio Ale e dedicato agli amanti di Hockey e allo Svago


    Benoît Laporte: "Le basi sono buone, manca la concentrazione"

    Condividere
    avatar
    Mirna
    Webmaster
    Webmaster

    Femminile
    Numero di messaggi : 311
    Età : 49
    Località : Piotta
    Occupazione/Hobby : Casalinga - Mamma a Tempo Pieno
    Data d'iscrizione : 19.01.09

    Benoît Laporte: "Le basi sono buone, manca la concentrazione"

    Messaggio Da Mirna il Lun 17 Ago 2009, 08:56



    L’allenatore dell'Ambrì pretende il massimo e soprattutto una grande
    lucidità per evitare i blackout nelle fasi decisive delle partite com’è
    accaduto nelle sfide contro Magnitogorsk e Pardubice.
    Benoît Laporte sa di dover lavorare a fondo per riuscire a plasmare il
    nuovo Ambrì Piotta. La squadra appare ancora piuttosto “slegata” sul
    piano del rendimento. E poi ci sono i numeri che, seppur presi con le
    dovute precauzioni, non possono essere sottovalutati. Consideriamo
    soprattutto gli ultimi tre incontri disputati contro Magnitogorsk,
    Pardubice e Losanna: solo 3 i gol segnati e ben 15 quelli subìti.

    Benoît Laporte, il bilancio generale fino a questo punto non può essere soddisfacente...
    Diciamo che ci sono degli aspetti che mi fanno sperare in bene ed
    altri sui quali occorre evidentemente riflettere. In questo momento
    purtroppo c’è discontinuità di rendimento soprattutto sul piano mentale.

    Come valuta le prestazioni offerte finora?

    Abbiamo disputato delle belle partite contro il Langenthal, i russi
    del Magnitogorsk ed i cechi del Pardubice. Specialmente contro le due
    compagini dell’est si sono viste cose buone, ma in entrambe le
    occasioni abbiamo accusato un vistoso calo nel secondo terzo, subendo
    nel giro di cinque minuti un parziale di 5-1 rispettivamente 4-0. La
    sconfitta con il Losanna (3-1, ndr) mi ha dato pure fastidio.
    Che reazione vuole ora dai suoi giocatori?
    Da tutti pretendo il massimo, alcuni lottano sempre con grande
    grinta, altri dopo aver incassato uno o due gol si lasciano andare
    evidenziando ancora i vecchi mali. Semplicemente io chiedo un gioco
    collettivo. Tutti hanno voglia di lavorare e questo è molto importante,
    tuttavia devono capire che solo la filosofia di gruppo può e deve
    emergere, le individualità non servono e chi la pensa in questo modo
    non può pretendere di far parte di questa squadra.
    Per quanto riguarda l’aspetto mentale i margini di miglioramento sono dunque ampi.
    Ci vuole concentrazione per tutti i sessanta minuti, ogni errore può
    costar caro, questo è un ragionamento che deve servire soprattutto per
    il campionato.
    Un commento sul profilo puramente tecnico...
    Abbiamo una buona base sulla quale lavorare, ora bisogna insistere
    sugli altri punti. In particolare cercheremo di avere un gioco più
    semplice ed aggressivo per evitare rischi eccessivi. Attaccare sì ma
    cercando di salvaguardare il reparto arretrato. Nei match contro
    Magnitogorsk e Pardubice abbiamo incassato complessivamente sette reti
    su altrettanti passaggi in profondità che hanno tagliato in due la
    nostra linea difensiva. Ciò non dovrà accadere nelle prossime
    amichevoli.
    Come giudica il rendimento dei singoli, in particolar modo degli stranieri?
    Sono molto contento di Law perché ha sempre dimostrato una grande
    professionalità, rispettando le consegne tattiche. Con Westrum forma
    sicuramente una bella coppia. Schneider ha pure delle buone qualità, ma
    deve ancora imparare il nostro gioco. Sicuramente saprà integrarsi per
    il campionato.
    Fiducioso quindi per il futuro?

    Sì, perché tutti hanno dimostrato di voler lavorare. Spero di avere
    buoni segnali dalla Kolin Cup di Zugo contro Mannheim (venerdì, ndr),
    Karlovy Vary (sabato) e Zugo (domenica).
    Marco Galli, www.sport.tio.ch

      La data/ora di oggi è Gio 21 Set 2017, 10:25