Settore Giovanile di Ambri Piotta e Svago/Nails Word

Buongiorno Visitatore se ancora non sei Registrato che aspetti fallo ora e Tifiamo FORZA AMBRI

Ricordati di Presentarti e fatti conoscere aiuta a far crescere questo luogo di Tifosi e Simpatizzanti



Vi aspettiamo Numerosi Gli Admin Mirna e Ale
Settore Giovanile di Ambri Piotta e Svago/Nails Word

Spazio Personale di mio figlio Ale e dedicato agli amanti di Hockey e allo Svago


    Questo è l'Ambrì che lotterà su ogni disco

    Condividere
    avatar
    Mirna
    Webmaster
    Webmaster

    Femminile
    Numero di messaggi : 311
    Età : 49
    Località : Piotta
    Occupazione/Hobby : Casalinga - Mamma a Tempo Pieno
    Data d'iscrizione : 19.01.09

    Questo è l'Ambrì che lotterà su ogni disco

    Messaggio Da Mirna il Mer 05 Ago 2009, 07:44



    Erano quasi 5mila, domenica sera, i tifosi accorsi alla Valascia ad
    applaudire il Settore Giovanile, la nuova maglia della stagione
    2009/2010, la squadra e gli allenatori.
    5mila persone che hanno dato vita ad un bellissimo evento, e che hanno accolto con un boato i giocatori dell'HCAP 2009/2010.

    5mila tifosi dell'Ambrì che hanno deciso di passare questa domenica
    metereologicamente tutta pazza alla Valascia insieme alle proprie
    famiglie, ed il divertimento c'é stato per tutti, anche per i più
    piccoli che hanno potuto giocare nella zona a loro riservata, lasciando
    i più grandi a cantare i propri beniamini e a gustare la cena.
    Toccante anche il discorso del presidente che vi riproponiamo:

    "Giocatori, Azionisti, Sostenitori, Tifosi e Amici Biancoblù, comincia oggi un nuovo ciclo nella gloriosa storia dell'HCAP.
    Tutti i cicli di questa storia, dal 1937 ad oggi, sono stati condotti
    da uomini veri, che hanno creduto nei valori di questa magnifica
    squadra e le hanno permesso di crescere e giungere fino a noi. Ciascuno
    di loro, con i mezzi che aveva, ha dato il massimo per la società.
    Senza di loro l'Ambrì che oggi festeggiamo non esisterebbe, a tutti
    loro, di ogni generazione e di ogni periodo, va la nostra sincera
    gratitudine: grazie, amici che ci avete preceduto portando il sacco,
    ciascuno per la sua parte di salita.
    Nei primi mesi di attività, il nuovo Consiglio d'Amministrazione ha
    analizzato a fondo la situazione della società, della sua prima
    squadra, del suo settore giovanile. Una parola speciale merita il
    Settore Giovanile, presentato qui prima delle mie parole: è un settore
    al qual abbiamo dedicato molto tempo in questi mesi, perché ci crediamo
    e vogliamo continuare ad investire ancora. È un settore che sta però
    conoscendo alcune trasformazioni per le quali abbiamo bisogno della
    comprensione e della collaborazione di tutti, perché il valore
    educativo dello sport sta anche nel saper affrontare con spirito
    positivo i cambiamenti e superare magari qualche divergenza personale.
    Ma è soprattutto la difficoltà di mantenere in una regione periferica
    sfavorita una squadra di LNA in uno sport come l'hockey che diventa
    sempre più competitivo e costoso, che ci ha occupati e preoccupati. Un
    esame preciso e senza fronzoli di queste difficoltà strutturali ci ha
    permesso di misurarne l'ampiezza - che non si può ignorare - ma anche e
    soprattutto di definire un percorso per affrontarle.
    È un percorso di cinque anni, che abbiamo voluto definire "Strategia
    HCAP 2014" e che è riassunto in un "Libro BiancoBlù" di cui trovate una
    prima bozza sul sito dell'HCAP, e che verrà dato prossimamente alle
    stampe nella sua versione definitiva, arricchito di ulteriori elementi.
    Tutti gli azionisti, gli abbonati, i sostenitori ed i tifosi
    interessati lo riceveranno.
    Questo percorso non sarà facile, bisogna dirlo con chiarezza, perché
    non vogliamo vendere illusioni. Ma noi siamo uomini di valle, abituati
    a caricarsi un pesante sacco in spalla e partire verso la vetta col
    passo lento ma sicuro del montanaro, tenace, ostinato e fedele alle
    proprie montagne come alle proprie scelte.
    Quello che più ci ha colpito, all'inizio di questa avventura, è stata
    la rispondenza immediata del popolo biancoblù alla chiamata della
    valle. Con la vittoria di Bienne in gara-6 il 26 marzo scorso si è non
    solo cancellato un incubo, ma si è dato un incredibile segnale di
    forza, di speranza e di autentica gioia sportiva che ha ricompattato
    d'incanto tutto il nostro ambiente, e lo abbiamo sentito fortemente in
    questi mesi.
    Su quello slancio è iniziata subito la preparazione per la nuova
    stagione, con un primo importante successo che è la riuscita del primo
    aumento di capitale annunciato, per il quale ringrazio di tutto cuore
    gli amici biancoblù che hanno saputo capire l'importanza del momento e
    mettere subito mano al portafogli, evitando all'Ambrì la pericolosa
    situazione in cui altri si son venuti a trovare, mancando loro proprio
    il capitale necessario alla continuità societaria.
    Pochi minuti or sono, l'Assemblea degli azionisti ha deciso il secondo
    aumento, che dovrà portare a 4 milioni il nostro capitale sociale e
    permetterci di affrontare con le armi giuste il rilancio dei prossimi
    anni, descritto nel Libro Biancoblù.
    Amiche ed amici dell'Ambrì: vi chiedo con forza di partecipare tutti,
    ciascuno nella misura delle sue possibilità finanziarie, a questo
    sforzo. È importante, è necessario, è indispensabile. Inutile dire di
    aver l'Ambrì nel cuore, se poi fra il cuore ed il portafoglio c'è una
    barriera impenetrabile. Le nostre idee generose, lo slancio ideale e il
    valore della nostra tradizione, la preparazione sportiva e l'entusiasmo
    percettibile dei nostri giocatori, tutto ciò ancora non basta se non
    gli diamo la sicurezza dei mezzi finanziari. Anche i migliori motori
    non possono girare senza benzina, e questa benzina dobbiamo mettercela
    noi, tutti noi. Perché se è vero quello che la Curva ha scritto -
    L'AMBRÌ SIAMO NOI - deve essere vero fino in fondo, anche in fondo alle
    tasche.
    A questo proposito vorrei rubarvi un minuto per spiegare bene un
    dettaglio che forse non tutti hanno ben capito e che riguarda i prezzi
    dei biglietti e delle tessere alla Valascia. Come comunicato,
    quest'anno NON abbiamo aumentato le tariffe a favore dell'HCAP. Per
    contro, abbiamo chiesto per due anni, questo ed il prossimo, un
    supplemento straordinario del 10% destinato integralmente alla Valascia
    immobiliare SA, la qual è obbligata ad effegtturae degli interventi
    strutturali urgenti senza i quali non sarebbe più stato possibile
    giocare alla Valascia. Grazie a tutti, per aver capito questa
    differenza e per accogliere di buon grado questo supplemento che ci
    permetterà di dare nuova vita e maggior sicurezza alla nostra pista.
    Ma non siamo qui per parlare solo di finanze e di programmi, per
    quanto importanti siano. Siamo qui perché veramente amiamo l'Ambrì,
    siamo qui perché questa passione ci ha fatto superare molte difficoltà
    e molte delusioni, per poi farci tornare sempre alla gioia schietta e
    travolgente della vittoria sportiva che bisogna saper conquistare.
    Sapendo che le nostre vittorie contano sempre almeno doppio, quando
    sono strappate ad avversari che hanno almeno il doppio dei nostri
    mezzi.


    Allora diciamocelo forte, cari amici e tifosi biancoblù,
    all'indomani del Primo Agosto che ieri sera ci ha visto celebrare il
    Natale della Patria. Diciamo forte e chiaro: l'Ambrì non potrà sempre
    vincere, ma l'Ambrì non potrà e non dovrà mai scomparire, perché è la
    squadra che più rappresenta il Ticino, cantone periferico e non dei più
    ricchi, ma cantone che vuole sempre giocare il suo ruolo nel contesto
    federale e si batte col sorriso ma anche on la grinta necessaria per
    far valere le proprie ragioni. L'Ambrì è anche la squadra che più
    rappresenta la Svizzera intera: piccolo paese attorniato da grandi
    potenze, che nel corso dei secoli si è arroccato sulle proprie montagne
    ed ha saputo ottenere e difendere la propria indipendenza lottando
    contro la prepotenza dei più ricchi e dei più forti, che fossero gli
    Asburgo al Morgarten, i Francesi a Morat o i Duchi di Milano ai Sassi
    Grossi di Giornico.


    Questo spirito fiero dei montanari rudi e semplici, fedeli alle
    proprie radici, resistenti alla fatica e pronti allo sforzo per
    raggiungere la vetta, è lo spirito dell'Ambrì, è spirito dei nostra
    storia, del nostro pubblico e dei nostri tifosi.
    Ed è spirito dei nostri magnifici giocatori, come ho potuto accertami
    nelle scorse settimane, parlando con loro e seguendo i risultati della
    loro preparazione estiva. Con i nostri giocatori abbiamo fatto un
    patto, un patto che oggi voglio trasmettervi, ed è una promessa che ci
    impegneremo per mantenere ad ogni costo. Non possiamo promettere solo
    vittorie, non possiamo alla vigilia della stagione impegnarci a
    raggiungere questa o quella posizione in classifica. Però possiamo
    promettere che veramente NOI LOTTEREMO SU OGNI DISCO, dal primo minuto
    all'ultimo di ogni partita di questo campionato. La promessa al nostro
    pubblico è quella di non deluderlo, di non dargli mai l'impressione che
    non ci siamo impegnati, che non teniamo al risultato.


    Cari tifosi biancoblù: noi non possiamo promettervi che lascerete
    sempre la Valascia con la vittoria in tasca. Però vi promettiamo che
    non la lascerete più con la rabbia di aver perso stupidamente, magari
    solo perché qualcuno non si è impegnato o non ha fatto il suo dovere.
    Certamente, i nostri magnifici giocatori vogliono vincere e andare
    lontano. Lo vuole il capitano Paolo Duca, lo vuole il leader degli
    stranieri Eric Westrum, lo vuole il nostro amato portiere Thomas
    Bäumle, di ritorno in piena forma con noi, lo vuole il coach Benoît
    Laporte, l'uomo con ilo qual vogliamo costruire nei prossimi anni
    l'Ambrì del futuro.
    Lo vogliono veramente tutti. Ma soprattutto vogliono mostrarvi in ogni
    partita che loro ci tengono davvero, che credono nella maglia che
    portano, che hanno capito l'importanza dell'Ambrì per questa Valle, per
    il Ticino, per la Svizzera sportiva tutta. E sono tutti impegnati a non
    deludervi, ad offrirvi impegno, passione, bel gioco, professionalità e
    tante soddisfazioni biancoblù.
    A nome di tutti voi, dico sin d'ora grazie a questa squadra che ci farà
    ritrovare il piacere della Valascia e la gioia dello sport.

    Grazie e soprattutto buon lavoro, da domani e per tutto il campionato. Amiche ed amici, viva il Ticino, viva l'Ambrì!"

    Fonte: HCAP

      La data/ora di oggi è Lun 25 Set 2017, 08:08