Settore Giovanile di Ambri Piotta e Svago/Nails Word

Buongiorno Visitatore se ancora non sei Registrato che aspetti fallo ora e Tifiamo FORZA AMBRI

Ricordati di Presentarti e fatti conoscere aiuta a far crescere questo luogo di Tifosi e Simpatizzanti



Vi aspettiamo Numerosi Gli Admin Mirna e Ale
Settore Giovanile di Ambri Piotta e Svago/Nails Word

Spazio Personale di mio figlio Ale e dedicato agli amanti di Hockey e allo Svago


    Con Gregory Sciaroni

    Condividere
    avatar
    Mirna
    Webmaster
    Webmaster

    Femminile
    Numero di messaggi : 311
    Età : 49
    Località : Piotta
    Occupazione/Hobby : Casalinga - Mamma a Tempo Pieno
    Data d'iscrizione : 19.01.09

    Con Gregory Sciaroni

    Messaggio Da Mirna il Ven 06 Mar 2009, 22:04

    Gregory Sciaroni, classe
    1989, due sorelle (Eleonora e Isabella), 84 kg di peso e 181 cm di
    altezza, maturità commerciale a Bellinzona, è titolare dell’Ambrì
    Piotta. Ha iniziato a fare hockey all’età di otto anni nei GdT per poi
    passare, tre­dicenne, ai moskito dell’HCAP.


    Ci sono perplessità e apprensioni per i play-out...
    «Nella stagione in corso tuttoè andato storto: infortuni, incostanza,
    sfortuna, di cui ne risentiamo attualmente». L’Ambrì non segna e non sa
    più sfruttare il powerplay... «Ci manca l’organizzazione del gioco
    quando siamo in superiorità numerica, non sappiamo far girare il disco,
    ci lasciamo prendere dal nervosismo, non abbiamo né velocità, né
    furberia, né malizia».
    Ma il Rapperswil è più forte dell’Ambrì? «No, per
    niente. Abbiamo più o meno la stessa forza. Ora sono soltanto gli
    episodi di gioco e gli errori individuali a fare la differenza. A
    prescindere dai risultati ottenuti finora siamo convinti che riusciremo
    ad uscire dal tunnel e mantenere il nostro posto al sole anche
    nell’immediato futuro»
    Dunque ce la farete...«Non ne dubitiamo. Giocatori,
    allenatore, dirigenti ne sono convinti. Ci mancherebbe non fosse così.
    Dopo Natale abbiamo ritrovato la strada maestra poi è subentrata la
    stanchezza fisi­ca e mentale. Ci riprenderemo, abbiamo fiducia».
    Rotislav Cada...«È molto bravo. Con lui ho
    acquisito più fiducia nei miei mezzi, più spazio e maggior
    responsabilità. Sa trasmettere emozioni, definire le basi del gioco,
    infondere grinta, determinazione e motivare il gruppo. Lo spogliatoio è
    con lui, è importante!».
    Lugano, Ginevra Servette e Friborgo-Gottéron le hanno fatto la corte. Perché Davos?
    «Si sapeva che ero a fine contratto e diverse squadre hanno contattato
    il mio manager Daniel Giger, che ho conosciuto ai mondiali U18 in
    Finlandia. Assieme abbiamo scelto Davos». Per i soldi o per ambizione?
    «Per fare un’esperienza di vita, per la mia carriera e per imparare
    bene un’altra lingua. Non certo per motivi finanziari, importanti a
    vent’anni ma non determinanti » . Gli obiettivi? « Avantutto la
    salvezza dell’Ambrì. Far bene a Davos. Crescere come uomo. Seguire
    studi superiori di economia o di marketing».
    Hobby... «Fare sport, ascoltare buona musica e lettura di gialli»
    La Nazionale è il sogno sportivo nascosto nel cassetto? «Troppo presto per pensarci».
    L’idolo hockeystico? «Sin da ragazzino Olek Petrov e oltre oceano Alexander Orechkin dei Washington Capitals» .
    Il cal­cio? «Fino a 12 anni ho praticato calcio (nel Monte Carasso) e hockey»
    La squadra? «L’Inter con un debole per i giocato­ri brasiliani».
    La nuova Valascia? «Sul nuovo ghiaccio voglio
    giocarci. Per intanto con la maglia del Davos in trasferta ma un giorno
    ancora con quella biancoblù...».

      La data/ora di oggi è Ven 24 Nov 2017, 13:15